La notte più magica dell’anno

Il 24 pomeriggio si preparano i biscotti

E’ una tradizione. Da sempre nella mia famiglia. La sera del 24 i biscotti per Babbo Natale devono essere pronti. Insieme a loro vicino al camino ci sarà anche un bicchiere di latte e della paglia per le renne. Preparandoli con Sebastiano non mi resta che sorridere.

Sorrido perché è più la farina che finisce sul suo maglioncino che quella che c’è nei biscotti.

Sorrido perché penso a quando li facevo con mia mamma e a quanto lei era precisa.

Sorrido perché lui si impegna, si diverte, vuole creare forme nuove, non si accontenta delle classiche stelle.

Sorrido perché, mentre gli racconto la storia di Rudolph, lui si alza e corre a cavallo della sua renna immaginandosi chissà che viaggi.

Sorrido perché vorrei non perdesse mai la magia del Natale.

Sorrido perché quando riusciamo a fare qualcosa insieme immagino sfere di ricordi di famiglia incastonati nella sua memoria.

Sorrido perché è vita, vita vera: cucina sottosopra compresa.

Sorrido perché immagino il momento in cui disporremo tutto di fianco al camino e diremo la formula magica.

Sorrido perché accenderemo la candela sul davanzale e strofineremo il naso 5 volte per farla diventare magica, in modo che Babbo Natale possa vederla.

Sorriso perché so che il 25 questa casa sarà invasa di gente, di chiasso e di gioia. Sarà invasa di giochi, bambini e adulti impegnati a giocare con i loro giochi.

Sorrido perché la mia mamma sarà qui e ci sarà la luce nei suoi occhi a vedere il suo “Ninin” così elegante per il giorno di Natale.

Sorriso perché vorrei che il tempo si fermasse. Qui e Ora. Senza rewind, senza forward. Ma per una volta si cristallizzasse nel tempo. Come per magia.

Sebastiano per il giorno di Natale indosserà un meraviglioso maglione burgundy di Brums con un cravattino da vero ometto, sempre Brums.
I pantaloni saranno in velluto a coste, blu, caldi, ma comodi, adatti al gioco e alle corse sfrenate in corridoio a cavallo delle renne.
Amo vestire Sebastiano in modo classico, senza fronzoli. Mi piace abbracciarlo e sentire su di lui fibre morbide e di qualità. Mi piace scegliere sempre qual che particolare che lo accomuni al suo papà, un dettaglio che lo trasforma in un piccolo ometto deciso.

La vera chicca però è la calzina, in tinta con il maglione, proprio da vero outfitter.

Ho certo il suo Outfit tra le proposte di Natale di Brums, capi caldi ed adatti ad un bambino pieno di vitalità come Sebastiano

 

Testi di Federica Visconti | Foto di Federica Visconti | Progetto per Brums Italia 

Lascia un commento