Madeleine ai fiori e pensieri sparsi in ordine casuale

Fermarsi lasciandosi trasportare dalla leggerezza

Madeleine

Mi devo ricordare più spesso, durante tutti gli impegni della giornata, di occuparmi di me.
Sì esatto.
Di me.
A volte diamo così per scontato che si stia bene, tante situazioni procedono su binari impostati e non ci si accorge nemmeno che il tempo passa e ci si ritrova in quel “domani”.
Voglio prendermi più cura di quella bambina che sognava e aveva mille progetti. Voglio migliorare, voglio imparare tutte quelle cose che ho rimandato in questi anni. Sto accettando lavori difficili, che mi stanno stressando tanto, ma che dall’altra parte mi fanno uscire dalla mia zona di confort.
A volte mi sento spaesata, a volte disorientata, a volte proprio persa: sì perché quando vivi nella foga di ogni giorno e di impegno in impegno nulla ha contorni nitidi. Ma voglio farcela.
Credo che capiti anche a voi tutte no? Ci sono giornate piene di energia in cui il mondo sembra nelle nostre mani e ci sono giornate in cui anche il salotto di casa sembra un campo minato.
Io però in questo 2016 ho deciso di mettermi alla prova, di schedulare ogni cosa e di non perdere tempo.
Voglio cercare di migliorare me stessa, per me e per le persone che mi stanno intorno.
Voglio provare la bellezza del nuovo e non voglio mai più dovermi ritrovare in situazioni che non scelgo.
Voglio vivere con poesia, come sognavo da ragazzina: quando tutto sembrava semplice e forse lo era.
Non ci avete mai pensato?
Forse la leggerezza è la chiave di tutto.
La leggerezza di fare madeleine alle otto di mattina, quando in realtà dovresti rispondere a mille mail, fare duecento pianificazioni, svegliare Sebastiano, sistemare la casa. Ma quel momento è per me: io, la cucina, il silenzio e la musica della frusta elettriche nella ciotola d’acciaio. Tutto può aspettare, quel momento mi rincuora e mi rimette in contatto con quella bambina che, con i piedi nell’acqua nel Naviglio, sognava come sarebbe stata la sua vita e immaginava risvegli da fiaba.

Ecco la ricetta delle mie madeleine salva leggerezza (la ricetta originale potete trovarla qui:
Madeleine ai fiori d’arancio e miele
120 g di farina
2 uova
100 g di burro
70 g di miele
30 g di zucchero
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaio di acqua di fiori d’arancio
mezzo cucchiaino di cannella
un pizzico di sale
Preparazione:
Rompete le uova in una bella ciotola grande, unite lo zucchero, il sale e la cannella e sbattete energicamente con una forchetta. Fate sciogliere al microonde il burro e il miele. Unite metà del burro e del miele fuso alle uova, sbattete ancora, poi aggiungete la farina e il lievito, mescolate, e infine aggiungete infine il resto del burro e del miele e l’acqua di fiori d’arancio.

A questo punto fermatevi e annusate l’aria intorno a voi… Non è deliziosa?

Tenete questo composto in frigorifero per una notte. Il giorno dopo, scaldate il forno a 230°, distribuire l’impasto nelle formine da madeleines e infornate. Dopo 5 minuti, in cui vedrete gonfiarsi la gobbetta delle madeleine, abbassate il forno a 180° e sfornate dopo 5 minuti. Decorare le madeleine con fiori a piacere.

Madeleine ai fiori e pensieri sparsi in ordine casuale

 

Lascia un commento