A Parigi con Thello, un modo nuovo per visitare la Ville Lumière

La capitale francese visitata in modo insolito

Non ero mai andata in treno fino a #ParigiconThello e devo dire che è stata davvero un’esperienza che mi ha stupito. Sono partita in treno da Milano Centrale a sera inoltrata e quando sono salita nella mia cabina, mi è subito sembrato di essere su quei treni d’altri tempi. Non tanto per l’arredamento, super moderno e con giochi d’incastri da far invidia a qualsiasi ingegnere, ma per l’atmosfera che si respira. Sì, perché entrare a poco a poco nel Paese che ti ospiterà, vedere i paesaggi cambiare dal finestrino, vedere la campagna e le città susseguirsi e scoprire un Paese lentamente mi ha subito affascinato. Devo dire che in treno si dorme davvero bene, ho chiuso gli occhi dopo circa un’ora e mi sono risvegliata verso Dijon, con il sorgere del sole.

La cabina è davvero confortevole, io ero da sola, ma possono starci fino a 3 persone. Se si ha la fortuna di viaggiare nell e cabine Premium, si ha la possibilità di avere i servizi in camera, se no si ha sola la zona toilette. Sono rimasta piacevolmente stupita dalla pulizia e dalla cura dei dettagli, non da ultimo il travel kit con il necessaire che ci è stato consegnato all’arrivo.

Siamo arrivati a Parigi alla Gare de Lyon, e questo devo dire che ci ha permesso di risparmiare parecchio tempo in trasferimenti. Quando arrivi in aereo devi sempre calcolare almeno 1 ora per i trasferimenti, invece con Thello si arriva direttamente in centro. Non abbiamo perso tempo e subito siamo andati a visitare la città, anche in modo insolito.

Se avete due giorni di tempo per visitare Parigi vi suggerisco queste attività:

– Visita al Marché des Enfants-Rouges: il mercato più antico di Parigi e senza dubbio uno dei più antichi di Francia . Il mercato deve il suo nome, dato però successivamente alla sua nascita, al colore della divisa dei bambini dell’ Hospice des Enfants-Rouges , un orfanotrofio creato da Marguerite de Navarre che si trovava proprio lì vicino. Il mercato conta una ventina di bancarelle e numerosi ristorantini in cui si può pranzare nell’allegria dell’atmosfera di un tipico mercatino rionale. Per quanto riguarda i numerosi ristoranti sparsi nel mercatino si possono trovare diversi tipi di cucina come quella tradizionale giapponese con i suoi bento e quelle libanese, marocchina, africana, vegetariana, francese, bio e anche cucina italiana.

– Tour dei passaggi coperti e delle gallerie di Parigi che esplosero nell’Ottocento e che conservano tuttora il fascino e l’innovazione intellettuale e architettonica di quell’epoca. Sebbene i grandi centri commerciali abbiano preso piede, les Passages di Parigi continuano ad essere vitali per la fisionomia della Capitale francese.

– Un corso di Macaron a la Galeries Lafayette : come imparare in un’ora e mezza a creare i dolcetti di mandorle tanto amati dalle Regina Maria Antonietta.

– Un giro per Parigi e per le sue bellezze a bordo di una originale 2CV con il suo design immediatamente riconoscibile.

– Un tour insolito nei quartieri emergenti ammirando la Street Art parigina e il suo movimento innovativo.

Tutte queste attività sono state organizzate grazie a Musement , un sito dove poter trovare esperienze insolite nelle città scelte. E devo dire che Parigi offre veramente tantissimo

Se non sapete dove soggiornare vi consiglio il sito Holidu, dove potete trovare appartamenti centralissimi e di charme, proprio come il nostro.

Lascia un commento