Poche, tante, troppe cose da fare!

Il tempo: cos'è? Io ne sono sempre alla rincorsa

L’aria è già frizzante e io non perdo occasione di respirare a pieni polmoni il giallo zafferano delle foglie e il verde polveroso del muschio. Le giornate iniziano a riempirsi, affollarsi e le ore si rincorrono senza sosta.
Il tempo. Come cambia la sua percezione. A volte così dilatato, a volte a fiato corto.
Poche. Poche le ore che sono riuscita a ritagliarmi per me. Quel tempo prezioso che serve per meditare. Ogni tanto mi rifugio nel mio posto del cuore e guardo scorrere quell’acqua che depura la mia anima e il mio spirito e ogni certezza svanisce.
Tante. Tante le cose da fare che iniziano ad affollare le mie giornate di mamma, compagna e donna che lavora, ma basta non lasciarsi sconvolgere che tutto prende la dimensione giusta.
Troppe. Troppe le scadenze pur avendo preso un attimo di sosta, ma non demordo, metto tutto in fila e alla sera faccio liste ideali che depenno nell’aria come fosse una grande lavagna.
Oggi io mi consolo così…

 

Chips di cavolo nero
foglie di cavolo nero a piacere
olio extra vergine d’oliva
sale o spezie

Tagliare le foglie di cavolo nero (se non si riesce a trovarlo, va bene anche una verza) in pezzi di circa 4-5 cm. Disporle su una teglia coperta di carta forno e spennellarle con l’olio. Cospargerle con un po’ di sale o semi di sesamo (o le spezie che si preferiscono). Inserire la teglia in forno ventilato a 200°C e dopo circa 15 minuti le chips sono pronte! Controllare che non brucino troppo, devono essere croccanti ma non bruciate.

 

Lascia un commento