Pavlova in una mattina di pensieri

Un dolce fatto per riflettere

Sono in cucina, è mattina presto e la mia Pavlova è in forno. Un’ora di cottura. Un’ora di pensieri, di bilanci.

Esattamente un anno fa ho cambiato vita.

Ho deciso che tutto doveva essere più semplice e che la mia vita aveva altre priorità.

E oggi, a un anno di distanza stilo il mio bilancio.

E’ positivo perché nella vita si cambia e quello che ami fare a 25 anni non è quello che ami fare a 35.

E’ positivo perché vivo a pieno e non sopravvivo, come prima, tra un appuntamento e l’altro.

E’ positivo perché mio figlio non vede l’ora di darmi la mano per fare una passeggiata al parco, un qualsiasi pomeriggio in settimana.

E’ positivo perché ho capito che lavorando meno, ma con metodo, si rende molto di più.

E’ positivo perché ho capito che da tanti errori si impara, e tanto.

E’ positivo perché ho realmente capito cosa conta e chi conta.

E’ positivo perché ogni fase è una scelta e non un dovere.

E’ positivo perché la domenica sera non vedo l’ora che arrivi il lunedì.

E’ positivo perché mi contorno solo di persone che amo frequentare.

E’ positivo perché ho ripreso a svegliarmi all’alba per gustarmi le prime ore, solo mie.

E’ positivo perché cucino per la mia famiglia Pavlova cin una mattina di novembre, sperando di accendere la magia del Natale, presto. Anche se, non è mai troppo presto.

 

La ricetta della mia Pavlova

Ingredienti per la meringa

150 g di albumi a temperatura ambiente ( meglio se di qualche giorno prima)

220 – 240 g di zucchero semolato

1 cucchiaino di aceto di mele o aceto di vino bianco

qualche goccia di succo di limone

1 cucchiaio di amido di mais setacciato

1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Ingredienti per la farcitura

Panna da montare

Procedimento

Montate gli albumi a temperatura ambiente nella planetaria MINI di KitchenAid. Quando saranno bianchi e spumosi unite l’estratto di vaniglia.

Aggiungete i restanti ingredienti, lo zucchero e la maizena setacciata, aggiungeteli in più riprese per non far smontare gli albumi.

Aggiungete l’aceto e qualche goccia di limone e continuate a montare. La meringa dovrà essere soda e spumosa, quasi panna.

Foderate una teglia con carta forno, formate con la sac a pochè tre dischi concentrici di meringa.

Cuocete a 110°-120° per circa un’ora.

Una volta pronte, fatele raffreddare e farcitele con panna montata e frutti rossi. E immaginatevi a Mosca, in un caffè di aspettando di vedere il Ballet Russe.

 

Grazie a Kitchenaid per aver inventato il MINI, ora anche montare piccole quantità di prodotto è più semplice!

 

Lascia un commento